VeraMente Modà in concerto a Cori - Scoprire Cori
1626
single,single-post,postid-1626,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.8,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
 

VeraMente Modà in concerto a Cori

VeraMente Modà - Cori

15 Giu VeraMente Modà in concerto a Cori

Domenica 18 giugno Stefano Forcella e Claudio Dirani dei Modà in concerto a Cori con la tribute band VeraMente Modà, nell’ambito della Festa di S. Antonio di Padova. Ore 21, complesso monumentale di S. Francesco. Ingresso gratuito.

Come ogni anno, la domenica successiva al 13 Giugno (giorno della morte del Santo, 1231), la comunità corese festeggia Sant’Antonio da Padova

Il programma dei festeggiamenti religiosi e civili stilato dal Comitato organizzatore con il patrocinio del Comune di Cori prevede diversi appuntamenti. Innanzitutto le Sante Messe con benedizione e dono del pane di Sant’Antonio, la cui statua verrà portata in processione per le strade di Cori valle sabato 17, dalle ore 18:00, accompagnata dalla Banda Musicale di Frascati. Domenica 18, alle ore 21:00, il concerto ad ingresso gratuito di Stefano Forcella e Claudio Dirani, bassista e batterista dei Modà, accompagnati dalla tribute band VeraMente Modà: Tito Alfano (Voce), Luigi Di Berardino (Chitarra), Paolo Roberto Simoni (Chitarra), Antonio Natalini (Basso), Mario Santomaggio (Batteria/Sequenze). A seguire l’estrazione della lotteria e in chiusura lo spettacolo pirotecnico “Fuochi d’artificio in musica” offerto da OrtoCori.

Cornice delle celebrazioni il cinquecentesco Complesso Monumentale di San Francesco. Chiesa, convento e chiostro furono costruiti in seguito ad un voto fatto dal Comune di Cori a due Frati Francescani intorno alla metà del ‘400, di erigere un monumento in favore del Santo di Assisi, affinché con le preghiere e l’opera dei francescani perdurasse la pace tra le fazioni. Il Convento fu consegnato ai Frati nel 1526, insieme alla Chiesa, che si caratterizza per il suo splendido soffitto in legno a cassettoni dorati, stucchi e quadri di valore; la preziosissima pala dell’altare maggiore e il coro di noce intarsiato.