La Strada del vino, dell’olio e dei sapori - Scoprire Cori
Cori, con le sue eccellenze enogastronomiche, è il fulcro di una Strada del vino, dell’olio e dei sapori dedicata ai monti Lepini e Ausoni.
strada del vino Cori
209
page,page-id-209,page-child,parent-pageid-176,page-template,page-template-page_tags,page-template-page_tags-php,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.8,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
 

La Strada del vino, dell’olio e dei sapori

L’olio, il vino, le olive e i prodotti tipici di Cori sono un’eccellenza nella provincia di Latina. Ecco perché Cori è il fulcro di una Strada del vino, dell’olio e dei sapori dedicata ai monti Lepini e Ausoni.

 

La Strada del vino, dell’olio e dei sapori della provincia di Latina è nata nel 2010 dall’iniziativa dei principali produttori vinicoli locali, con l’intento di mettere in luce il connubio straordinario tra la ricca enogastronomia e le bellezze artistiche e paesaggistiche del basso Lazio. Tre sono gli itinerari: il Circeo e i suoi parchi, Latina e il razionalismo, Cori e i Monti Lepini e Ausoni.

 

Il percorso

Cori, con le sue eccellenze gastronomiche, è il punto di partenza e il cuore di quest’ultimo itinerario. Le aziende che hanno aderito sono Azienda Agricola Marco Carpineti, Cooperativa Agricola Cincinnato e Tenuta Pietra Pinta.

Ma sarebbe un peccato fermarsi qui, tale è la ricchezza dei Monti Lepini e Ausoni. Una volta rifocillati a Cori, vale la pena di seguire l’intera Strada del vino, dell’olio e dei sapori attraverso Giulianello e il suo lago, Cisterna di Latina, gli incantevoli Giardini di Ninfa, Norma e l’antica Norba, Sermoneta con il suo castello, l’antica Abbazia di Valvisciolo, Priverno, il gioiello cistercense dell’Abbazia di Fossanova, Sonnino e infine Lenola, sui Monti Ausoni. Tutte le tappe meritano una visita approfondita e tutte vantano una tavola che val bene un assaggio. Ogni gastronomia, infatti, è differente dalle altre, ma rivela la comune origine contadina e culturale dei Monti Lepini e Ausoni, con alcuni prodotti ricorrenti: l’olio, le olive, le ciambelle e gli altri dolci secchi, le crostatine di visciole, la pasta all’uovo fatta in casa, la ramiccia, le castagne e i loro derivati, il pane casereccio, l’abbacchio, il capretto.