Lago cantato a Giulianello (Cori) - Scoprire Cori
A fine estate le rive del lago di Giulianello risuonano di canti contadini e musiche popolari. È la rassegna Il Lago Cantato.
Lago Cantato Giulianello Cori
720
page,page-id-720,page-child,parent-pageid-715,page-template,page-template-page_tags,page-template-page_tags-php,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.8,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
 

Il Lago Cantato

A fine estate le rive del lago di Giulianello risuonano di canti contadini e musiche popolari. È la rassegna Il Lago Cantato: un giorno dedicato a ricordare le nostre radici rurali e a progettare il futuro.

 

Una giornata in riva al lago

A Giulianello tutto parla di una società cresciuta nei secoli, generazione dopo generazione, intorno al lavoro nei campi: dal grande granaio che troneggia nel centro storico, ai canti delle Donne di Giulianello, che raccontano la fatica del lavoro in campagna, fino alla tavola, che valorizza le povere e saporite erbe spontanee. Per questo ogni anno, a settembre, Giulianello rende omaggio alle sue radici con la rassegna Il Lago Cantato, dedicata alla cultura e alla civiltà contadina, ma anche alle possibilità di sviluppo futuro del territorio.

 

Legati alle radici, guardando al futuro

Per un giorno, sulle rive del lago si possono ascoltare musiche e canti popolari, vedere in azione i poeti in ottava rima, e naturalmente apprezzare le padrone di casa: le Donne di Giulianello. Con alcuni ospiti illustri e affezionati che si sono succeduti negli anni, come gli esperti di musica popolare Giovanna Marini e Ambrogio Sparagna. La scenografia, neanche a dirlo, è il lago di Giulianello, che fino al secolo scorso era il centro dell’economia giulianese.
Il mattino è in genere dedicato al dibattito e all’approfondimento su temi locali e prospettive future, poi ci si rilassa sull’erba con un pranzo al sacco, mentre iniziano a risuonare le note delle musiche popolari. E si va avanti tutto il pomeriggio, a cantare, a ballare, a godersi l’ultimo sole prima dell’autunno. Fino al tramonto e alla cena conclusiva, rigorosamente casereccia.

Tags: