Piazza Pozzo Dorico a Cori - Scoprire Cori
Piazza Pozzo Dorico, dove i bambini coresi giocano da sempre, è in realtà la copertura di un’antica cisterna.
Pozzo Dorico Cori
64
page,page-id-64,page-child,parent-pageid-609,page-template,page-template-page_tags,page-template-page_tags-php,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.8,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
 

Piazza Pozzo Dorico

Ieri spazio pubblico e copertura di un’enorme cisterna, oggi piazza silenziosa e nascosta tra i vicoli, dove i bambini da sempre giocano indisturbati: è piazza Pozzo Dorico.

 

Pizzitónico per gli amici

Se volete apprezzare tutta l’imponenza dei terrazzamenti su cui sorgeva il foro, il posto giusto è piazza Pozzo Dorico. Ma sappiate subito che a Cori nessuno la chiama così: per tutti, i bambini che la usano come campo di calcio e gli adulti che il pomeriggio si siedono a chiacchierare al sole, è Pizzitónico. Non c’è corese, di qualunque età, che non abbia giocato qui almeno una volta. Questa piazza è il perfetto esempio di come Cori abbia assorbito, inglobato e riadattato a usi moderni tutti i suoi spazi più antichi. La città vecchia vive ancora nella città nuova.

 

Una piazza-pozzo

La piazza poggia su un terrazzamento realizzato tra il II e il I sec. a.C. proprio sotto il tempio dei Dioscuri e la successiva chiesa del SS. Salvatore (XIII sec. d.C.). Di certo, aveva la funzione di ampliare lo spazio del foro, ma non solo. Come suggerisce il nome, Pozzo Dorico nasconde un segreto: era la copertura di uno spazio polifunzionale. Sotto il suo selciato bianco si apre una serie di ambienti che servivano principalmente da cisterna di raccolta dell’acqua, ma è quasi certo che ospitassero anche un mercato coperto, opifici per la lavorazione delle materie prime e magazzini. La traccia più evidente della funzione idrica è il tombino in pietra sul lato verso via Petrarca.

Per il complesso sistema idrico, in passato si è pensato che gli ambienti sotto la piazza ospitassero le terme di Cori. In realtà, oggi si tende a escludere l’ipotesi.